Storia del marchio FUSO

FUSO – un marchio che è parte integrante di Daimler AG

 

Il marchio FUSO ha superato i confini giapponesi, conquistando in tutto il mondo una fama considerevole nel settore dei veicoli industriali.

Dal 2004 il marchio FUSO è diventato parte integrante di Daimler AG. Con una partecipazione dell'89,3%, Daimler AG controlla la quota di maggioranza al fianco della minoritaria Mitsubishi Corporation.

L'esperienza di più di 80 anni nella produzione di autocarri e autobus a livello internazionale continua a rappresentare un apporto per il centro di competenza internazionale relativamente allo sviluppo degli autocarri leggeri. Ma non basta: grazie alla decennale esperienza accumulata nello sviluppo di motori a basse emissioni, nella sede principale della FUSO a Kawasaki, in Giappone, è ubicato anche il centro di sviluppo globale della Daimler AG per la tecnologia ibrida. 

 

 

Bus B46

 

Il nome FUSO fu utilizzato per la prima volta nel 1932 con l'uscita sul mercato del primo autobus di Mitsubishi Heavy Industries: il "B46". Questo autobus lungo 7 metri era prodotto da Kobe Shipyard and Machine Works, un'azienda controllata da Mitsubishi Heavy Industries, e poteva trasportare 38 passeggeri. A spingerlo era un sei cilindri a benzina da 7 litri di cilindrata e 100 CV. Per la consegna dell'autobus B46 al primo cliente, il ministero delle ferrovie giapponesi, ai dipendenti dell'azienda fu chiesto di trovare un soprannome per il veicolo. Tra le tante proposte, la scelta cadde infine su “FUSO”. Fusō è la pronuncia giapponese della parola cinese Fusang, che nell'antichità designava il Giappone.